Aprile non è il mese della prevenzione

Macerie in Abruzzo e Giampaolo Giuliani, il ricercatore che aveva previsto il sisma

In Abruzzo a tarda notte c’è stato un terremoto devastante di magnitudo 5.8 Richter e attorno al nono grado della scala Mercalli (Berlusconi è salito sul decimo per sembrare più alto nella foto). Decine di migliaia gli sfollati e le vittime sono già attorno al centinaio.
L’Italia è un paese sismico, ma non ditelo in giro, potreste causare pessimismo, e non si è mai visto un pessimista combinare qualcosa nella vita. Io invece non ho mai visto un pessimista correre tra i tori a Pamplona e finire incornato, ma sono punti di vista.

Per Guido Bertolaso i terremoti sono come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita.

Giampaolo Giuliani, il ricercatore dell’INFN che diversi giorni fa aveva preannunciato l’arrivo di un sisma devastante in Abruzzo, lavora proprio sul Gran Sasso dove sono installati dei rilevatori che in base alle emissioni di Radon e ad altri indici stimerebbero l’arrivo di un sisma. La Protezione Civile lo ha snobbato, denunciandolo per procurato allarme quando ha reso note le sue rilevazioni. Oggi purtroppo si è visto chi avesse ragione.

“Che sciocchezze, emissioni di gas… eheh” ha commentato divertito Gasparri che scavava tra le macerie, nel suo naso.

Berlusconi è vicino alle vittime, dichiarando di sentirsi anche lui un po’ abruzzese, per aver visto una volta il Milan giocare col Pescara. Per tirar su gli abruzzesi racconta la barzelletta dell’uomo che fa cadere l’orologio dall’ultimo piano e deve fare in tempo a raccoglierlo, nella variante in cui il palazzo crolla e l’uomo raggiunge l’orologio in caduta.
A breve farà partire la ricostruzione, un grande sforzo edilizio che darà nuova linfa all’economia della zona: tra le altre cose si potranno costruire case al 20% più a rischio, e i moniti dei ricercatori saranno al 30% meno ascoltati. Per le costruzioni antisismiche, invece, ci vorrebbe troppo tempo, e inutili studi.

Il Papa prega per le vittime e ricorda che gli edifici antisismici non sono la soluzione, e che anzi incoraggiano i terremoti.

Il Premier russo Medvedev esprime il cordoglio della Russia intera e offre il suo aiuto nel caso l’Italia abbia bisogno di esperti del loro ministero per le Emergenze, per collaborare con le operazioni di soccorso o eliminare giornalisti scomodi.

Annunci

Tag: , , , , , , , , , , ,

3 Risposte to “Aprile non è il mese della prevenzione”

  1. tabagista1986 Says:

    salve!auguri per il blog,
    molto bella ‘berlusconi- scala mercalli’

  2. fabio Says:

    su una sola cosa mi pare ci sia un errore. io ho letto che il papa pregava “per i bimbi morti”. solo per loro immagino, dunque..

  3. Jonathan Grass Says:

    i fatti di oggi mi hanno ricordato una rassegna stampa internazionale di Galeazzi (aspettate, il bello è dopo) dopo il terremoto in Umbria e Marche: un giornale francese titolava qualcosa come “joyaux italiens
    sous les décombres” e Galeazzi lesse “felici italiani sotto le macerie, e questa, francamente, potevano risparmiarsela i francesi” confondendo joyaux, gioielli, con joyeux, felici. Bisteccone bisteccone… che perle!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: