Archive for the ‘Ospitalità’ Category

I soldi sporchi te li lavano in casa

29 settembre 2010

Illustrazione di Marco Tonus accompagnata al pezzo su 3D, supplemento di Terra.

Ogni volta che apro il giornale e leggo “Strage nel Napoletano”, “Agguato nel Palermitano” o “Regolamento di conti nella Locride” penso a quanto sono fortunato. Potrei essere definito un cittadino modello, certo, ma ho anche la fortuna di vivere in un luogo tranquillo lontano dalle regioni dove regna la criminalità organizzata.
Se penso a quei miei poveri connazionali che vedono i loro figli crescere con quei modelli di successo, non bastasse Fabrizio Corona, con le forze dell’ordine sotto minaccia costante e i proiettili che volano per strada, mi sento male per loro. Mi domando cosa farei al loro posto, se assistessi ad un attentato alle forze di polizia. Sì, qualche volta anche da me bruciano l’auto di un carabiniere, ma sono beghe di poco conto, e quasi sempre è qualcuno che fa troppo lo splendido; ecco magari a uno che fa un altro mestiere l’auto la righerebbero soltanto, ma questi hanno a che fare con personaggi ben poco raccomandabili. Sono anche fortunato perché qua nessuno mi obbliga a votare per nessun altro. Il voto è un diritto-dovere ed è sacro, nel senso laico. Io lo posso esercitare liberamente senza condizionamenti come dovrebbe poter fare ogni cittadino, e non devo nemmeno tapparmi il naso perché conosco un consigliere che è una persona squisita e ha trovato lavoro a mio figlio, che di questi tempi non è poco. Quando in famiglia abbiamo bisogno di qualcosa poi, è sempre disposto a venirci incontro appena è libero dagli impegni: tra consiglio provinciale, comune, consorzio per lo sviluppo industriale e la comunità montana è una persona molto indaffarata. E ora deve anche difendersi dalle malelingue che lo tirano in mezzo per delle consulenze che, come professionista nel settore ambientale, avrebbe fatto su richiesta della Regione. Ma dico scherziamo? Un professionista così stimato e appena rieletto! Mica stiamo parlando di associazione mafiosa, favoreggiamento delle cosche o cose simili.
Sono quelle le cose su cui si dovrebbe indagare, non venir qua a rallentare l’economia.
Non che io pensi che al sud siano tutti sotto scacco, ma che dire della libertà di impresa o di acquisto? I commercianti del meridione sono strozzati dal pizzo, e chi può emigra. Sono costretti a venire da me dove si può investire, dove c’è qualche speranza per il futuro. Anziché veder chiudere la propria attività, qua magari riescono ad aprire un negozio più grande che non dovendo pagare le estorsioni riesce a fare dei prezzi bassissimi. Mi viene in mente quell’ipermercato che ha aperto da poco, e sta fuori dalle grosse catene. E’ gente onesta che paga l’affitto in maniera puntuale, non ti fa problemi se paghi un po’ in ritardo, e la gente apprezza questo genere di cortesie. Con quei prezzi poi…
Insomma, chi vuole si rimbocca le maniche e ne viene fuori. Degli altri non so più che pensare: non c’è cittadino più connivente di chi a parole si lamenta delle mafie ma, per abitudine o per indole, nel quotidiano finisce per favorirle.

Giustazzi: Shock e intervista e(sc)lusiva

23 luglio 2010

Testata del blog di Lino Giustazzi

Circa un mese fa alla redazione di ScaricaBile è giunta la lettera di un fan deluso di Giustazzi  (la trovate anche su ScaricaBile 32):

Lino Giustazzi ricopia ?

Si dice che conoscere personalmente il proprio idolo, la persona di cui si è uno dei più grandi ammiratori, il proprio mito che si era idealizzato, porti solo delusione. Spesso è vero, ma rientra nella normalità delle cose, perché l’errore è nostro. Ben più terribile è invece quando la delusione viene dallo scoprire qualcosa che concerne l’ambito della sua attività, sia essa artistica, sportiva o altro, che fa crollare lastima che avevi nei suoi confronti. A me è successo con Lino Giustazzi.

Guardavo su YouTube un video di Ezio Greggio e gli sento dire “Il sedicente medico… no sedicente è troppo! L’undicente medico….” e rimango allibito. Mi chiedo come possa pronunciare impunemente una battuta del grande Lino Giustazzi senza citare la fonte, e tutti sappiamo quanto Lino sia suscettibile su questo aspetto. Verifico subito prendendo il libro “La cameriera e altri infallibili modi…gliani battuti all’asta” e come pensavo la battuta è di Lino. Sto per mandare una e-mail di fuoco a Ezio Greggio quando in un altro video sento “Sarà vero? Sarà falso? Sarah Ferguson?” e il mio stupore è grande nel notare che il video è di qualche anno fa, obiettivamente prima dell’uscita del libro “fallito visto da Costanzo”. Non so più cosa pensare e inizia una lunga e dolorosa ricerca che mi condurrà a scoprire come molte delle più fulminanti freddure del Lino nazionale (Banfi non è degno nemmeno di chiudergli il velcro delle scarpe) non siano sue. Dopo una corposa opera di traduzione delle opere di Martufello giungo alla conclusione che Lino vi ha in buona parte attinto, e quasi con le lacrime agli occhi devo ammettere che lo stesso vale per molti altri, in cui sposta l’ordine di alcune parole, mette un punto esclamativo in più o uno di sospensione in meno, o talvolta la battuta è identica e varia solo per l’uso del maiuscolo finale. Ho già scoperto battute di Lino che in realtà sono state scritte da Pali e Dispari, Gerry Calà, Franco Oppini, Ezio Greggio, i Turbolenti, Biagio Izzo, Massimo Boldi, Fabrizio Fontana, Giuseppe Masia, Pippo Franco, lo Zoo di 105, Er Patata, Bombolo, Enzo Salvi, Enrico Brignano, i Fichi d’India, Pino Campagna… e l’elenco sembra non finire mai.

Ho scritto una e-mail a Lino e mi aspetto una sua risposta esaustiva, anche se le prove appaiono schiaccianti.

Nichelname

A questo punto sono stato inviato d’urgenza per fargli un’intervista esclusiva:

Lino rispondici. Dicci che cosa dobbiamo pensare: hai davvero copiato le battute a tutti quei comici? Perché lo hai fatto?
Lino Giustazzi, in una pausa del suo Tour ‘Draghi di comodo o per passione’, accetta di rispondere alle nostre domande. Il tono della voce è misurato, difficile dire se dissimuli:

“Chiedetemi quello che volete”, attacca.
Accetta di rispondere?
A tutto.
Le abbiamo già accennato alla lettera che ci è giunta in relazione, e ne è già nato un blog con centinaia di messaggi. Insomma, Giustazzi… ricopia?
È vero, lo dico da anni, e lo faccio apposta, per motivi precisi. Non ho mai nascosto nulla. Dov’è la notizia?
L’accusa è pesante… c’è chi si è messo a contare le battute copiate: ben 300, π/6 del suo repertorio
Esagerato! Sono molte di meno, di mie ne ho scritte a migliaia, anche con la chiave sulle portiere delle auto dei vicini. Nessuna battuta di quelle che cito è plagio, sia perché da anni invito i miei fans a scoprirle attraverso il gioco didattico del Nascondino, sia perché ci sono sempre modifiche e innesti; niente di illecito. Buona parte del repertorio di Proietti, ad esempio, nasce da Petrolini, ricontestualizzato. E l’aggiornamento di una battuta generica (calco) è già un potenziamento, amplificato dall’allusione al precedente. È l’arte del comico.
Calco… Pi greco, amplificare. I suoi fan la capiranno?
Io voglio chiarire tutto. Ma devo essere preciso e tecnico per rispondere alla vergognosa diffamazione.
Facciamo un esempio. Mitch Buchannon ha scritto: “Hey C.J. having those tits you’ll probably have some problems with your back..hole! Don’t you?”. E lei: “Hey C.J. avere quelle tette probabilmente alcuni problemi con tua schiena…tiche! Non voi?”.
Molto simili, al netto del pessimo traduttore online che pare sia stato utilizzato, non le pare?

Ripeto, chi mi accusa dice cose che io già ho svelato da anni. Ho pubblicato la foto di diverse cartoline che ho spedito ad amici in cui ne discutevo. È il gioco del Nascondino di cui parlavo nel 2004: spargo in giro citazioni di battute altrui, e i fan devono scoprirli. È un escamotage nato come esigenza legale in caso di processi per chi sostenesse che scrivo volgarità e offese. È lo stratagemma che usava Genny Wurstel…
Mi perdoni, di chi parla?
Genny Wurstel, all’anagrafe Gennaro… il cognome non lo ricordo. Era un mio compagno di scuola, Wurstel era il soprannome perché era biondo come un tedesco e, sa, negli spogliatoi certe cose si sanno. Comunque lui era inviso alla nostra professoressa per il suo linguaggio scurrile e lei lo penalizzava nei temi, così lui iniziò ad inserire nei testi delle frasi sboccate di film, canzoni e libri, al solo scopo di dimostrare che lei non sapesse distinguere ciò che era arte da ciò che era volgarità.
Prendiamo ad esempio una battuta di un comico siciliano, quella sul pomodoro….
Ecco la battuta: “Come fai a capire che un pomodoro scorreggia? Improvvisamente devia dalla sua traiettoria e non colpisce Ferrara”… Lei, è l’accusa, si è limitato a sostituire il pomodoro con un cocomero…
Estrapolare battute da un testo dicendo “Sono simili, quindi è plagio” è una solenne baggianata. Primo, perché quella battuta, citata da me, serve come esempio della satira politica messa ovunque, a tutti i costi, che ha rovinato l’umorismo italico.
Secondo, perché ogni modifica tecnica, anche minima, può migliorare una battuta. Ecco perché, sapendo che il suono “k” è particolarmente comico basta cambiare “pomodoro” con “cocomero” per potenziare di gran lunga l’effetto.
Terzo, perché il testo di una battuta è solo uno dei tre elementi che la caratterizzano come joke .
Cocomero, joke, scusi ma ci stiamo perdendo…
Scusate i tecnicismi… ma sono necessari. Una battuta è un miniracconto, e quindi vanno considerati anche funzione comica e ruoli attanziali.
Attanziali… alzo bandiera bianca. Non so se i suoi fan immaginavano da lei una lezione di semiotica…
Se si considera che le variazioni possono vertere inoltre su ampiezza degli scarti, sostituendo isotarapie tapioco con sostanziali brematuramenti degli attanti come fossero antani, così che al momento della fase di scribai la cofandina può pesare sulle forme dell’espressione, della forma e del contenuto per evitare un appiattimento soppaltato che stuzzica le figure del tempo rifacendosi a precedenti orientamenti semantici eccetera. Ora lei converrà sul perché sia più semplice dire ‘Giustazzi ricopia!’. Un po’ di competenza però non guasterebbe, per diffamazioni così pesanti.
Le confesso che personalmente non mi trova convinto, e comunque mi tocca chiederle conto anche di altro: c’è chi l’accusa di far rimuovere, tramite la società Kazzoner a lei riconducibile, alcuni video online che mettono in relazione le sue battute con quelle degli altri comici, non solo italiani.
Perfettamente lecito, tutelavo il copyright sulle mie opere
In molti la accusano anche di aver goffamente retrodatato le cartoline che usa come prove. Ci sono due foto, nella prima compare in evidenza il timbro postale dove l’anno sembrerebbe essere stato corretto con della china, e nella seconda si vede una piccola sbavatura nel testo assente nell’altra, come se il testo della cartolina fosse stato scritto molto di recente. A ben guardare apparirebbe come un tentativo di taroccamento fatto con delle cartoline primo giorno di cui lei, scommettiamo, è un collezionista.
Non so, non mi intendo, non mi aspettavo questo genere di accanimento.
A noi interessa solo chiarire tutti i punti oscuri, per fare il nostro mestiere, per i suoi fan e anche per lei. Dunque cosa risponde a questi addebiti riguardo le prove?

D’accordo. Tutto è iniziato quando da ragazzo giravo per le feste paesane portando in giro la mia comicità, e durante uno spettacolo provai a raccontare qualche barzelletta nuova che avevo sentito allo spettacolo di un altro comico e che gli spettatori di sicuro non conoscevano; un po’ tutti i comici in giro nelle piazze lo fanno. Piacque molto e me ne chiesero altre, così arrivarono bis e applausi. Quella sera i responsabili della pro loco mi invitarono ad una cena offrendomi il loro vino, e c’erano anche parecchie giovani, così feci un po’ lo splendido continuando a fare battute, fu un peccato veniale ma ne trassi vantaggio in quella occasione. Da quel momento stabilii il ferreo criterio di dire battute di altri solo dopo averle migliorate, così da avere la coscienza a posto nel fare gli spettacoli e nel godermi poi divertimento e successo. Alcuni spettatori notarono l’assonanza con delle battute altrui e me ne chiesero conto dietro le quinte. Io gli spiegai che semplicemente mi erano piaciute e che secondo me potevano essere ancora più efficaci con uno o due accorgimenti nel modo in cui le dicevo io, trovandoli quasi sempre d’accordo. In seguito trovai alcuni casi in cui ritenevo lecita anche una riproposizione pari pari, poiché il valore aggiunto sarebbe stata la mia mimica; oppure, come già detto, feci come il mio amico Gennaro per poter sbugiardare dal palco le anziane bigotte che mi strillavano insulti dalla piazza. Come spesso accade nelle vicende umane però, quando si scavalca un muro e si pone un argine, questo sarà più labile del muro e noi saremo spinti a valicarlo e farne un altro, sempre più in prossimità del fiume.
Dunque che intenzioni ha adesso?
Attualmente è come se mi trovassi coi piedi ancora per poco sulla riva, e per quanto abbia provato a ritardare tutto, mi avete fatto rendere conto che ormai è solo dannoso negare. Posso spiegare tutto e dimostrare che ho delle attenuanti, ma non posso più trincerarmi dietro i distinguo, i noccioli delle domande elusi, le scuse e i silenzi. Domani scriverò una lettera aperta ai miei lettori.

Poche ore dopo l’intervista ci è giunto in redazione un comunicato del suo legale in cui si affermava che “Pasquale Giusto, in arte Lino Giustazzi, vi diffida dal diffondere trascrizioni artefatte delle sue parole, e ogni altra forma comunicativa lesiva della sua onorabilità”

Dei delitti e del valerne le pene

14 aprile 2010

Sopra ‘Spongelino’ visto da Ste. Trovate tutto su ScaricaBile speciale Ministri.

Alfano stava disteso sul lettino, gli occhi chiusi.
«Sono mesi che ho questo sogno ricorrente. E’ confuso ma capisco di star nuotando in mezzo ad una miriade di altri, in uno spazio sconfinato, poi lo spazio si restringe via via, diventiamo sempre di meno lungo una corsa senza regole e non appena iniziamo a vedere l’uscita sbattiamo contro una sorta di muro trasparente…»
Il fragore del chewing gum esploso lo interruppe
«Dottò, me sembra che sta a parlà de sperma. E’ un profilattico quello alla fine?»
«Oddio, che ore sono? Devo scappare»
«Sono le 15, s’era appisolato. Non vada via, le devo finire le ultime tre unghie…»
«Ho un appuntamento urgente! Arrivederci»
Corse in auto, veloce come l’iter di un ddl sull’aumento degli stipendi ai parlamentari.
Appena arrivato, l’analista lo fece sdraiare e lui ricominciò a raccontare, fin quando non fu fermato da un borbottìo di assenso.
«Credo che non si tratti di un’immagine sessuale. Ora si rilassi e si concentri: Per caso riesce a dirmi qualcosa del suo aspetto e di quello dei suoi compagni di viaggio? Avete gambe, braccia, magari una coda?»
«Siamo come pesci, come sirene con fattezze umane»
«Bene, tra gli altri nota qualche viso familiare?»
«Sì, alla fine, quando restiamo in pochi noto che c’è una donna, ha i capelli rossi, sembra…»
«…la Brambilla. Ho capito. Immagino ci siano anche Fini, Miccichè, Frattini, Fitto e Bertolaso…»
«Sì! Ci sono tutti, e anche Mauro Pili»
«Pili… Pili… Ah, quello che copiò il discorso di Formigoni parlando delle Alpi in Sardegna»
«Sì, mi spieghi»
«Ma niente, Pili è fatto così: nella dichiarazione citava anche 11 province, e per mascherare almeno un po’ la gaffe le aumentò da 4 a 8. Sfortunatamente non rimasero fondi sufficienti per le Alpi»
«No, mi spieghi il significato del sogno»
«Il suo incubo ricorrente simboleggia la sua paura di fare la fine degli altri cosiddetti ‘delfini’ del premier. Tanti in giovane età hanno scalato le gerarchie, ma da astri nascenti si sono ritrovati meteore, mentre lui è ancora là. Il suo inconscio si sta domandando come andrà a finire e se ne vale la pena. Fanno mille euro. Duemila se vuole la ricevuta»
Alfano uscì e sfrecciò pensieroso nella sera. Giunse nel suo studio e alla luce della lampada Churchill si mise a esaminare le carte:
«Lodo Schifani incostituzionale, Lodo Alfano incostituzionale, legittimo impedimento come tappabuchi in attesa del Lodo Alfano bis come legge costituzionale. Anche quello verrà bocciato dalla Corte Costituzionale, ma Napolitano firmandolo ci metterà al riparo per le sopravvenute prescrizioni. Tutto torna, ma…»
«Ma?» si udì, felino, da dietro le tende alle sue spalle
«Vieni avanti, creatura della notte. Sapevo che saresti arrivato»
Un’ombra si avvicinò, senza che si sentisse rumore di passi.
«Ella, ministro mi aspettava dunque? Sono qui in veste non ufficiale per rammentarle di essere ligio al suo ineluttabile compito»
«Sono andato a cena con Berlusconi e Letta a casa di Mazzella prima della sentenza, ho condannato la protesta dell’ANM, mi sono schierato contro l’incandidabilità dei condannati, ho mandato gli ispettori alla procura di Trani dicendo che il CSM violava la costituzione. Ho fatto tutto questo eppure poco tempo fa è bastato che esprimessi un dubbio sull’uso di un decreto legge per il processo breve, perché mi dicesse che me ne sarei potuto andare, che ce n’erano tanti altri che potevano fare il ministro al mio posto. Forse non sono abbastanza portato, sicuramente non quanto te»
«Mavalà, che insieme siamo una squadrone. Pensi che per me fosse tutto facile all’inizio? Facevo lo stesso sogno che fai tu, e sognavo Taormina. Lui ha mollato, ma io non lo farò. Mi sono preparato duramente davanti allo specchio: tenere il ghigno, agitare il capo con scherno e aria professorale; per il tono di voce mi sono allenato con dei gatti sinusitici e un diapason e vedi che risultati ora! Poi non mi faccio problemi ad assimilare le donne alle merci, a smentire l’autenticità di registrazioni di Berlusconi quando persino lui ammette che la voce è la sua. Ho avuto la faccia di accusare Uggias dell’IdV, che difendeva Zappadu, di avere una doppia veste, di avvocato e parlamentare, che non si dovrebbe confondere. E’ il principio d’inerzia: una volta che parti poi non riesci più a fermarti, perché le stronzate sono come le ciliegie: più sono grosse e più te le pagano»
Il telefono squillò e Alfano rispose.
«Non commento un’inchiesta della quale vengo a conoscenza da un giornale che, peraltro, è Repubblica!»
Poi si voltò ammicante, con un sogghigno a bocca spalancata, ma l’ombra era svanita, nuovamente parte del buio.

Sono in missione per conto di Dio

5 aprile 2010

Da J.Grass, G e Ste, i Green Brothers sono solo su ScaricaBile 29… Vi piacerebbe! Invece sono anche in Piemonte e Veneto, e vogliono sorvegliarvi l’utero.

Abbiamo fatto molto, anche per tanti di noi

5 aprile 2010

Dalla collaborazione con Marco Tonus, in alta risoluzione su ScaricaBile 29 .

News dure per tempi interpretativi

8 marzo 2010

Su ScaricaBile 28

In Cile sisma di 8.8 gradi Richter. A Piscicelli sarebbe venuto il singhiozzo.

Vaticano: Accordo con la Sony per trasmettere le immagini del papa in HD. Non avevi mai potuto vedere così nitidamente dove finiva l’8 per mille che avevi destinato altrove.

Il terremoto in Cile ha spostato l’asse terrestre accorciando le giornate di 1,26 milionesimi di secondo. Dovrò regolare di nuovo il mio orologio atomico.

Berlusconi: “troppo fiscali con liste Pdl. Non si è mai vista l’esclusione di liste che avevano portato 250 firme in meno, in ritardo, senza timbri e alcune appartenenti a persone decedute”.

Dopo i ritardi a Roma, i legali di Formigoni vanno in ritardo a portare il reclamo. Non ridevo così tanto da quando si scoprì che un tizio aveva corrotto un avvocato per testimoniare in un processo dove si dibatteva di corruzione di giudici.

Boss scarcerato dopo 10 mesi. ‘Non pericoloso’ perchè ora scrive poesie. Ma aveva rischiato l’ergastolo, con gli acquerelli.

Harry Potter preferito al Codice Da Vinci come libro da preservare per i posteri. Tra qualche secolo Voldemort suonerà più realistico dell’Opus Dei.

Interessante mostra di calchi delle vittime di Pompei con una verita agghiacciante: Si sarebbero salvati, se avessero indossato il casco.

Woytila: in dubbio il miracolo. La suora ha perso il bambino.

GUINNESS: Otto tonnellate di cioccolato per una copia identica del campanile di San Marco. Il difficile sarà circondarla con un metro e mezzo di nesquik.

*Beckham: arriva il tatuaggio numero 18. Tutto iniziò col suo codice a barre.

Fumetti: Peter Parker a causa della crisi perde il suo lavoro. Sperava nel rinnovo, nonostante i sensi di ragno gli dicessero il contrario. Tutto sul nuovo numero “Sbrigati Obama, mi serve la copertura sanitaria”.
E se Gesù fosse stato bianco?    ‘Sti cazzi
Orlando: L’orca che qualche giorno fa ha ucciso la sua addestratrice e in passato ne aveva soffocato un’altra, ha ricevuto una prima lettera di Donatella Papi. Intanto al Seaworld son ripresi gli spettacoli. Con una nuova preda. [Con Melissa P2]

L’Amore ai tempi del Nucleare

15 febbraio 2010

Su ScaricaBile 27. Si ringrazia con ardore Flaviano per le illustrazioni.

«L’amore non è un semplice sentimento, parlo di Amore con la A maiuscola, quello che ti dà il coraggio di osare, di scriverlo così anche lontano dal punto. L’amore è una cosa meravigliosa, è tutto ciò di cui tu hai bisogno per essere sereno, e insieme tutto di quello di cui non hai bisogno mentre guardi il calcio in tv. A meno che non ti sia seduto scordandoti della birra. E’ così e basta, cosa vuole che le dica, sono felice per lei»
Finalmente il vecchio ubriaco tacque. In fin dei conti l’avrei dovuto ringraziare, in quel lungo viaggio   eravamo   solo   in   due   sulla   capsula,   che   non   mi   pareva   nemmeno   troppo   sicura, dovendo proteggerci dalle atmosfere delle profondità del Tirreno. Poche ore prima ero stato ricevuto tra vetri schermati da agenti del sisde che curiosamente avevo conosciuto su facebook mesi addietro. Mi era stata spiegata la missione ed ero stato scortato fino all’ingresso del tunnel. Era certo più angusto di quello che mi aspettassi, essendo stato ideato per ospitare di lì a   poco   dei   cavi   capaci   di   trasportare   dalla   centrale   nucleare   sarda   alla   penisola   i   1500 megawatt prodotti.
L’altro passeggero era un ex maestro elementare precario di un quartiere disagiato di Cagliari. Aveva vinto il biglietto in un’estrazione riservata ai possessori di buste di alimentari regalate anni prima in cambio di voti. Io ero invece reduce da intercettazioni fatte a casa di Genchi e mi recavo a Cagliari per incontrare le eminenze grigie del PdL sardo: Floris, Zuncheddu, e David lo Pan. L’incontro previsto in mattinata fu rinviato dato che Ugo Cappellacci non poté venire per via dell’improvvisa faringite che aveva colpito il ventriloquo che lo muoveva. Dedicai allora la giornata all’altro motivo del mio viaggio: incontrare Laura.
Frequentavo da mesi un sito che organizzava incontri tra ex stalker e non avevo avuto fortuna, ma sapevo che Laura avrebbe fatto storia a sé. Il suo bersaglio era stato per anni Gabriele Paolini e il fatto che  lo seguisse costantemente denotava pelo sullo stomaco, meticolosità e costanza, tanto che la sua scheda la classificava tra le A+, ossia capace di braccarti come un Simon Wiesenthal a cui devi dei soldi.  Ogni tentativo di trovarle un compagno era stato inutile, nessun uomo risultava interessarle quanto il suo Gabriele; ma il tempo era dalla mia parte, perché il programma per ex stalker concedeva solo un anno di tempo per sistemarsi e non incorrere nella castrazione chimica. La cosa mi faceva rabbrividire, da fervente sostenitore dell’omeopatia.
La sua era stata un’infanzia felice, circondata dal calore di una normale famiglia di pitbull, che l’avevano allevata assieme ai loro cuccioli; finché la cagna non cominciò a bere e i servizi sociali la affidarono a una famiglia che gestiva una filiale delle Edizioni Paoline. Già in prima elementare nessuno avrebbe potuto immaginare quello che aveva passato; anche se il suo girare vorticosamente cercando di mordersi le natiche lasciava perplessi. Adesso conduceva una torbida doppia vita: di giorno si prostituiva in un centro benessere e di notte in incognito faceva la ricercatrice, uscendo dall’università con gli occhiali da sole per non farsi riconoscere.
Ora penserete che appena sia arrivata l’abbia portata subito in albergo, ma non è vero, non sono così. La portai a fare un giro al parco, ma odiava graffiarsi le ginocchia e i gomiti sull’erba così la dovetti portare in albergo. Mi disse che nessuno era mai stato bravo come me, mentre stando in piedi dietro di lei facevo le corna urlando «Berlusconi merda». Ero al settimo cielo quando dall’esterno iniziarono a sentirsi delle urla via via più forti e un rumore di vetri infranti. Erano teppisti all’assalto del palazzo della Regione, che poco dopo diedero alle fiamme un pupazzo in tutto somigliante a Cappellacci. Le ustioni sarebbero poi risultate letali e il funerale del governatore fu celebrato il pomeriggio seguente. Quella stessa notte il mio telefono squillò: ero stato convocato d’urgenza, e per non insospettire Laura dissi che uscivo a comprarle un dodo. Non batté ciglio, aprì il borsone e tirò fuori un bambolotto che in 30 secondi ebbe finito di gonfiare; uscendo la guardai ammirato ma non mi stupii, perché mi aveva confidato di essere sempre stata una ragazza previdente, dai tempi in cui era Testimone di Geova e portava sempre con sé uno spray repellente per locuste.
All’indirizzo che mi avevano riferito trovai un’enorme villa, ma appena dentro mi sembrò di stare sul set del remake di Eyes wide shut, a parte le telecamere. Una   voce   alle   mie   spalle   mi   fece   trasalire:   «Finalmente   è   arrivato!»   disse   un   uomo incappucciato, che mi accompagnò in giro per l’edifico spiegandomi: «La situazione si sta evolvendo in fretta, anche i cittadini più distratti sono arrivati a capire che il tunnel non servirà per il gasdotto e che la centrale nucleare che stiamo ultimando servirà solo alla penisola. Comunque   niente   paura,   la   rivolta   verrà   sedata   e   tutto   sarà   ristabilito.   Arresteremo   una dozzina di indipendentisti, diremo che è stato il governatore ad insistere per la centrale e troveremo un commissario e poi un sostituto. Anzi, ho già ricevuto una telefonata da Roma per annunciarmi il nome del prescelto. Ha scelto l’assessore provinciale allo spettacolo, il figlio di un suo ex amico musicista…». Vennero in  due a chiamare d’urgenza l’uomo incappucciato  perché andasse a curare una ragazza finita in overdose, lui si scusò e mi disse di attenderlo nella terrazza superiore. Lassù il paesaggio era bellissimo: l’orizzonte del mare in una notte senza luna era una piacevole sfida da cogliere, ma venne disturbata da un bagliore indefinito che comparve sulla strada litoranea. Pian piano riconobbi un cordone di auto e camion in avvicinamento e dall’aspetto ben poco pacifico. Capii che tutto era perduto e senza dare nell’occhio guadagnai l’uscita, saltai sull’auto di Laura e corsi verso la città. Potevo immaginare come avrebbero ridotto la villa di lì a poco, ma mi importava solo che nessuno mi seguisse.
Salii   le   scale   di   corsa   ed   entrai   nella   nostra   stanza   d’albergo   urlando   «Laura   dobbiamo scappare! Sta succedendo un finimondo! Ti porto con me a Milano, a Roma, dove vuoi…». Quando la vidi stava rannicchiata sul letto con le mani tra i capelli, non capivo cosa stesse succedendo, finché singhiozzando non mi indicò la tv. La giornalista in studio disse «Ancora una volta questo personaggio incivile…» e tutto mi fu chiaro. Comparvero le immagini del collegamento da Cagliari e dietro il corrispondente c’era Paolini che sbraitava. Mi voltai verso di lei, che sollevò lo sguardo e disse solo «Ho passato dei bei momenti con te, ma… sento che ora il mio posto è qui. A lottare insieme a lui.»
Scesi nella hall, sgomento, ma al secondo mojito due gorilla in occhiali da sole mi prelevarono e   sfrecciando   mi   scortarono   verso   il   tunnel,   scaraventandomi   dentro   la   capsula   senza nemmeno un augurio di buon viaggio. Nemmeno stavolta ero solo, c’era con me un’ avvenente ragazza che disse subito «Ciao, sono la Jole, vengo da Rovigo e sogno di fare l’attrice, ma so anche cantare, beh non è che sono brava ma Lui mi ha detto che ho una bellissima voce, anche se quando lo facevamo non mi ascoltava nemmeno parlare, che fatica questi convegni e questi corsi, che storia sai vogliono candidarmi ma cioè il mio sogno più profondo è quello di fare la cantante, farei di tutto per un’ occasione…»
«Che combinazione, io sono un produttore musicale. Sai la Sony e la Virgin? Tutte e due mie. Ero qui per dire a Marco Carta che se non vende altre 500 mila copie può tornare a fare il parrucchiere e aaaaah! Si, brava…»

Silvio ama Silvio – Trivia

8 febbraio 2010

Dopo Noi amiamo Silvio, è arrivato l’attesissimo Silvio ama Silvio, ad opera di noi mentecatti di ScaricaBile.
Per vedere se avete studiato vi proponiamo il quiz:

Cosa stanno dicendo i protagonisti di queste foto?

Si ringraziano per la collaborazione Volpe e Cani&Porci

Esempio:

“Rapporti con Mills? No no mai avuti! Avevo capito Milf”

Alla Casa Bianca

1. “I consider sdes the fleg.. aspe’ non ricordo..come cazzo era?!?”
2. “e poi basta che dici a Michelle:  «quella? è solo la figlia del vecchio autista di Reagan»”
3. “Allora ci sono un italiano, un tedesco, e un negro..”
4. “I never said ‘suntanned’, I said ‘sul tandem’ ”
5. “Sulla P2 si sollevò un polverone, ma non ha fatto niente di male, come da voi il ku klux klan”

Con Walter Veltroni

1. “Come ministro ombra per le politiche giovanili pensavo a UAN, credi che sarebbe interessato?”
2. ” Ma silvio ho fatto come dicevi, è proprio indispensabile l’Africa?”
3. “O dici che ‘avverso’ è un termine troppo violento? Dico schieramento ‘differente’?”
4. “No silvio, napoleone aveva la mano dentro la giacca non fuori”
5. “Prodi adesso è finito. FI-NI-TO”
6. “Ma D’alema l’hai pagato tu, o è coglione di suo?”
7.  “Quella della ‘vocazione maggioritaria’ mi è venuta così, l’importante è che ora possiamo fare le riforme partendo da una posizione paritetica, scevra da niet ideologici…”
8. “Notte, Marrazzo, via Gradoli  …. io non t’ho detto niente”

Con la Merkel a L’Aquila


1. “non piangere ora, non ci son le telecamere”
2. “Dici che ho fatto ‘cucù’ troppo forte?”
3. “e questa, cancelliere, è l’eredità lasciataci dalla sinistra”
4. “si ma non si preoccupi, ora gli abitanti sono in villeggiatura”

Con Sarkozy e la Merkel

1. “E poi le sollevi i capelli e inizi a leccarla qui… Fidati, so che a Carla piace”
2. “E’ un bel lavoro davvero, non si vede nessuna ricucitura”
3. “preferisco quella puttana di tua sorella… così gli ha detto”
4. “Poi stanotte andiamo nudi in camera di Angela e le facciamo cucù”
5. “Senti, se aggiungo anche quella asiatica tu mi dai un’altra centrale e siamo pari”

In mezzo alla folla


1. “più teso? o va bene così il braccio?”
2. “sentite: odore di santità”
3. “ndo sta quello con la statuina?!? Avevamo detto alle 19:00”
4. “signorina sono io che le ho offerto lo champagne”

Se usi la Delorean poi sembra che io copi, o che ti odi :)

29 gennaio 2010

Bin Laden attacca gli USA sul clima e annuncia “entro 10 anni attentati a impatto zero”

Iraq: giustiziato Ali’ il chimico. E qualcuno dirà che c’è un mondo migliore.

Conducente d’autobus sotto stupefacenti si scontra con auto guidata da ubriaco. Le immagini del cid sulla prossima copertina dei Flaming Lips.

Da dicembre nei migliori radar

11 novembre 2009

Twin Towers Warship

Non è la solita americanata, come potrebbe lasciare intendere il suo sito.
La trovate su ScaricaBile 23, le altre quattro mani sono di Ste e Volpe.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: