Posts Tagged ‘sardegna’

Senza averne vo

31 maggio 2010

Scienza
Secondo una ricerca italiana il cervello dei razzisti funziona in modo differente. Che sollievo, cominciavo a sentirmi io un diverso per non essere mai andato a prelevare urina fumante in una porcilaia. La ricerca consisteva nel mostrare delle immagini di aghi conficcati in mani con la pelle di diverso colore e, osservando l’andamento dei circuiti neuronali associati all’empatia, si è scoperto in sostanza che chi aveva rivelato precedentemente idee xenofobe, davanti ad una mano dalla pelle nera con degli aghi conficcati provava indifferenza, una volta passata l’erezione.

Golfo del Messico
Il petrolio ha smesso di uscire dal pozzo. La soluzione ha raggiunto l’equilibrio

Sardegna
Con la visita di D’Alema ai candidati amministratori del centrosinistra si è chiusa nell’isola la campagna elettorale del centrodestra.

Palermo

Il ‘signor Franco’, il misterioso agente che ha attraversato le vicende degli ultimi 30 anni di storia siciliana, identificato con una foto: E’ Biagio Schirò.

Parigi
Berlusconi cita Mussolini “il potere ce l’hanno i miei gerarchi”: Il potere di non venire disturbati per comunicazione futili come il cambio di nome del partito o i tagli ai propri ministeri.

Annunci

Dei delitti e del valerne le pene

14 aprile 2010

Sopra ‘Spongelino’ visto da Ste. Trovate tutto su ScaricaBile speciale Ministri.

Alfano stava disteso sul lettino, gli occhi chiusi.
«Sono mesi che ho questo sogno ricorrente. E’ confuso ma capisco di star nuotando in mezzo ad una miriade di altri, in uno spazio sconfinato, poi lo spazio si restringe via via, diventiamo sempre di meno lungo una corsa senza regole e non appena iniziamo a vedere l’uscita sbattiamo contro una sorta di muro trasparente…»
Il fragore del chewing gum esploso lo interruppe
«Dottò, me sembra che sta a parlà de sperma. E’ un profilattico quello alla fine?»
«Oddio, che ore sono? Devo scappare»
«Sono le 15, s’era appisolato. Non vada via, le devo finire le ultime tre unghie…»
«Ho un appuntamento urgente! Arrivederci»
Corse in auto, veloce come l’iter di un ddl sull’aumento degli stipendi ai parlamentari.
Appena arrivato, l’analista lo fece sdraiare e lui ricominciò a raccontare, fin quando non fu fermato da un borbottìo di assenso.
«Credo che non si tratti di un’immagine sessuale. Ora si rilassi e si concentri: Per caso riesce a dirmi qualcosa del suo aspetto e di quello dei suoi compagni di viaggio? Avete gambe, braccia, magari una coda?»
«Siamo come pesci, come sirene con fattezze umane»
«Bene, tra gli altri nota qualche viso familiare?»
«Sì, alla fine, quando restiamo in pochi noto che c’è una donna, ha i capelli rossi, sembra…»
«…la Brambilla. Ho capito. Immagino ci siano anche Fini, Miccichè, Frattini, Fitto e Bertolaso…»
«Sì! Ci sono tutti, e anche Mauro Pili»
«Pili… Pili… Ah, quello che copiò il discorso di Formigoni parlando delle Alpi in Sardegna»
«Sì, mi spieghi»
«Ma niente, Pili è fatto così: nella dichiarazione citava anche 11 province, e per mascherare almeno un po’ la gaffe le aumentò da 4 a 8. Sfortunatamente non rimasero fondi sufficienti per le Alpi»
«No, mi spieghi il significato del sogno»
«Il suo incubo ricorrente simboleggia la sua paura di fare la fine degli altri cosiddetti ‘delfini’ del premier. Tanti in giovane età hanno scalato le gerarchie, ma da astri nascenti si sono ritrovati meteore, mentre lui è ancora là. Il suo inconscio si sta domandando come andrà a finire e se ne vale la pena. Fanno mille euro. Duemila se vuole la ricevuta»
Alfano uscì e sfrecciò pensieroso nella sera. Giunse nel suo studio e alla luce della lampada Churchill si mise a esaminare le carte:
«Lodo Schifani incostituzionale, Lodo Alfano incostituzionale, legittimo impedimento come tappabuchi in attesa del Lodo Alfano bis come legge costituzionale. Anche quello verrà bocciato dalla Corte Costituzionale, ma Napolitano firmandolo ci metterà al riparo per le sopravvenute prescrizioni. Tutto torna, ma…»
«Ma?» si udì, felino, da dietro le tende alle sue spalle
«Vieni avanti, creatura della notte. Sapevo che saresti arrivato»
Un’ombra si avvicinò, senza che si sentisse rumore di passi.
«Ella, ministro mi aspettava dunque? Sono qui in veste non ufficiale per rammentarle di essere ligio al suo ineluttabile compito»
«Sono andato a cena con Berlusconi e Letta a casa di Mazzella prima della sentenza, ho condannato la protesta dell’ANM, mi sono schierato contro l’incandidabilità dei condannati, ho mandato gli ispettori alla procura di Trani dicendo che il CSM violava la costituzione. Ho fatto tutto questo eppure poco tempo fa è bastato che esprimessi un dubbio sull’uso di un decreto legge per il processo breve, perché mi dicesse che me ne sarei potuto andare, che ce n’erano tanti altri che potevano fare il ministro al mio posto. Forse non sono abbastanza portato, sicuramente non quanto te»
«Mavalà, che insieme siamo una squadrone. Pensi che per me fosse tutto facile all’inizio? Facevo lo stesso sogno che fai tu, e sognavo Taormina. Lui ha mollato, ma io non lo farò. Mi sono preparato duramente davanti allo specchio: tenere il ghigno, agitare il capo con scherno e aria professorale; per il tono di voce mi sono allenato con dei gatti sinusitici e un diapason e vedi che risultati ora! Poi non mi faccio problemi ad assimilare le donne alle merci, a smentire l’autenticità di registrazioni di Berlusconi quando persino lui ammette che la voce è la sua. Ho avuto la faccia di accusare Uggias dell’IdV, che difendeva Zappadu, di avere una doppia veste, di avvocato e parlamentare, che non si dovrebbe confondere. E’ il principio d’inerzia: una volta che parti poi non riesci più a fermarti, perché le stronzate sono come le ciliegie: più sono grosse e più te le pagano»
Il telefono squillò e Alfano rispose.
«Non commento un’inchiesta della quale vengo a conoscenza da un giornale che, peraltro, è Repubblica!»
Poi si voltò ammicante, con un sogghigno a bocca spalancata, ma l’ombra era svanita, nuovamente parte del buio.

L’Amore ai tempi del Nucleare

15 febbraio 2010

Su ScaricaBile 27. Si ringrazia con ardore Flaviano per le illustrazioni.

«L’amore non è un semplice sentimento, parlo di Amore con la A maiuscola, quello che ti dà il coraggio di osare, di scriverlo così anche lontano dal punto. L’amore è una cosa meravigliosa, è tutto ciò di cui tu hai bisogno per essere sereno, e insieme tutto di quello di cui non hai bisogno mentre guardi il calcio in tv. A meno che non ti sia seduto scordandoti della birra. E’ così e basta, cosa vuole che le dica, sono felice per lei»
Finalmente il vecchio ubriaco tacque. In fin dei conti l’avrei dovuto ringraziare, in quel lungo viaggio   eravamo   solo   in   due   sulla   capsula,   che   non   mi   pareva   nemmeno   troppo   sicura, dovendo proteggerci dalle atmosfere delle profondità del Tirreno. Poche ore prima ero stato ricevuto tra vetri schermati da agenti del sisde che curiosamente avevo conosciuto su facebook mesi addietro. Mi era stata spiegata la missione ed ero stato scortato fino all’ingresso del tunnel. Era certo più angusto di quello che mi aspettassi, essendo stato ideato per ospitare di lì a   poco   dei   cavi   capaci   di   trasportare   dalla   centrale   nucleare   sarda   alla   penisola   i   1500 megawatt prodotti.
L’altro passeggero era un ex maestro elementare precario di un quartiere disagiato di Cagliari. Aveva vinto il biglietto in un’estrazione riservata ai possessori di buste di alimentari regalate anni prima in cambio di voti. Io ero invece reduce da intercettazioni fatte a casa di Genchi e mi recavo a Cagliari per incontrare le eminenze grigie del PdL sardo: Floris, Zuncheddu, e David lo Pan. L’incontro previsto in mattinata fu rinviato dato che Ugo Cappellacci non poté venire per via dell’improvvisa faringite che aveva colpito il ventriloquo che lo muoveva. Dedicai allora la giornata all’altro motivo del mio viaggio: incontrare Laura.
Frequentavo da mesi un sito che organizzava incontri tra ex stalker e non avevo avuto fortuna, ma sapevo che Laura avrebbe fatto storia a sé. Il suo bersaglio era stato per anni Gabriele Paolini e il fatto che  lo seguisse costantemente denotava pelo sullo stomaco, meticolosità e costanza, tanto che la sua scheda la classificava tra le A+, ossia capace di braccarti come un Simon Wiesenthal a cui devi dei soldi.  Ogni tentativo di trovarle un compagno era stato inutile, nessun uomo risultava interessarle quanto il suo Gabriele; ma il tempo era dalla mia parte, perché il programma per ex stalker concedeva solo un anno di tempo per sistemarsi e non incorrere nella castrazione chimica. La cosa mi faceva rabbrividire, da fervente sostenitore dell’omeopatia.
La sua era stata un’infanzia felice, circondata dal calore di una normale famiglia di pitbull, che l’avevano allevata assieme ai loro cuccioli; finché la cagna non cominciò a bere e i servizi sociali la affidarono a una famiglia che gestiva una filiale delle Edizioni Paoline. Già in prima elementare nessuno avrebbe potuto immaginare quello che aveva passato; anche se il suo girare vorticosamente cercando di mordersi le natiche lasciava perplessi. Adesso conduceva una torbida doppia vita: di giorno si prostituiva in un centro benessere e di notte in incognito faceva la ricercatrice, uscendo dall’università con gli occhiali da sole per non farsi riconoscere.
Ora penserete che appena sia arrivata l’abbia portata subito in albergo, ma non è vero, non sono così. La portai a fare un giro al parco, ma odiava graffiarsi le ginocchia e i gomiti sull’erba così la dovetti portare in albergo. Mi disse che nessuno era mai stato bravo come me, mentre stando in piedi dietro di lei facevo le corna urlando «Berlusconi merda». Ero al settimo cielo quando dall’esterno iniziarono a sentirsi delle urla via via più forti e un rumore di vetri infranti. Erano teppisti all’assalto del palazzo della Regione, che poco dopo diedero alle fiamme un pupazzo in tutto somigliante a Cappellacci. Le ustioni sarebbero poi risultate letali e il funerale del governatore fu celebrato il pomeriggio seguente. Quella stessa notte il mio telefono squillò: ero stato convocato d’urgenza, e per non insospettire Laura dissi che uscivo a comprarle un dodo. Non batté ciglio, aprì il borsone e tirò fuori un bambolotto che in 30 secondi ebbe finito di gonfiare; uscendo la guardai ammirato ma non mi stupii, perché mi aveva confidato di essere sempre stata una ragazza previdente, dai tempi in cui era Testimone di Geova e portava sempre con sé uno spray repellente per locuste.
All’indirizzo che mi avevano riferito trovai un’enorme villa, ma appena dentro mi sembrò di stare sul set del remake di Eyes wide shut, a parte le telecamere. Una   voce   alle   mie   spalle   mi   fece   trasalire:   «Finalmente   è   arrivato!»   disse   un   uomo incappucciato, che mi accompagnò in giro per l’edifico spiegandomi: «La situazione si sta evolvendo in fretta, anche i cittadini più distratti sono arrivati a capire che il tunnel non servirà per il gasdotto e che la centrale nucleare che stiamo ultimando servirà solo alla penisola. Comunque   niente   paura,   la   rivolta   verrà   sedata   e   tutto   sarà   ristabilito.   Arresteremo   una dozzina di indipendentisti, diremo che è stato il governatore ad insistere per la centrale e troveremo un commissario e poi un sostituto. Anzi, ho già ricevuto una telefonata da Roma per annunciarmi il nome del prescelto. Ha scelto l’assessore provinciale allo spettacolo, il figlio di un suo ex amico musicista…». Vennero in  due a chiamare d’urgenza l’uomo incappucciato  perché andasse a curare una ragazza finita in overdose, lui si scusò e mi disse di attenderlo nella terrazza superiore. Lassù il paesaggio era bellissimo: l’orizzonte del mare in una notte senza luna era una piacevole sfida da cogliere, ma venne disturbata da un bagliore indefinito che comparve sulla strada litoranea. Pian piano riconobbi un cordone di auto e camion in avvicinamento e dall’aspetto ben poco pacifico. Capii che tutto era perduto e senza dare nell’occhio guadagnai l’uscita, saltai sull’auto di Laura e corsi verso la città. Potevo immaginare come avrebbero ridotto la villa di lì a poco, ma mi importava solo che nessuno mi seguisse.
Salii   le   scale   di   corsa   ed   entrai   nella   nostra   stanza   d’albergo   urlando   «Laura   dobbiamo scappare! Sta succedendo un finimondo! Ti porto con me a Milano, a Roma, dove vuoi…». Quando la vidi stava rannicchiata sul letto con le mani tra i capelli, non capivo cosa stesse succedendo, finché singhiozzando non mi indicò la tv. La giornalista in studio disse «Ancora una volta questo personaggio incivile…» e tutto mi fu chiaro. Comparvero le immagini del collegamento da Cagliari e dietro il corrispondente c’era Paolini che sbraitava. Mi voltai verso di lei, che sollevò lo sguardo e disse solo «Ho passato dei bei momenti con te, ma… sento che ora il mio posto è qui. A lottare insieme a lui.»
Scesi nella hall, sgomento, ma al secondo mojito due gorilla in occhiali da sole mi prelevarono e   sfrecciando   mi   scortarono   verso   il   tunnel,   scaraventandomi   dentro   la   capsula   senza nemmeno un augurio di buon viaggio. Nemmeno stavolta ero solo, c’era con me un’ avvenente ragazza che disse subito «Ciao, sono la Jole, vengo da Rovigo e sogno di fare l’attrice, ma so anche cantare, beh non è che sono brava ma Lui mi ha detto che ho una bellissima voce, anche se quando lo facevamo non mi ascoltava nemmeno parlare, che fatica questi convegni e questi corsi, che storia sai vogliono candidarmi ma cioè il mio sogno più profondo è quello di fare la cantante, farei di tutto per un’ occasione…»
«Che combinazione, io sono un produttore musicale. Sai la Sony e la Virgin? Tutte e due mie. Ero qui per dire a Marco Carta che se non vende altre 500 mila copie può tornare a fare il parrucchiere e aaaaah! Si, brava…»

Meteo

27 gennaio 2010

Padania
Il sole delle alpi torna a risplendere dopo la tempesta d’odio che ha interessato il Milanese nei giorni scorsi e un forte vento di Quirinale favorirà l’arrivo di un fronte di ampie riabilitazioni, che impedirà il ripetersi di precipitazioni a carattere numismatico. I voti si annunciano da Bossi a molto Bossi anche sulla Liguria e non sono da escludere logge sparse che tessereranno un po’ in tutta la penisola.

Regioni Rosse
L’arrivo dell’aura di bassa pressione fiscale non si manifesterà almeno fino alla primavera, mentre il suo protrarsi sull’Aquilano porterà a provvidenziali rasserenamenti. Sul fronte elettorale possibili rovesciamenti sulle regioni appenniniche e in particolare sul Lazio, a seguito dei temporali che hanno interessato le zone interne con sessualità variabile.

Terronia
In Campania massime in rapida salita favoriranno valanghe elettorali, mentre sulla Calabria nugolo di neri irregolari spazzati via da venti settentrionali, lascerà spazio a usuali fenomeni a carattere locale. Densa nebbia sulla Puglia, a cui seguiranno schiarite e nuovi addensamenti sul fronte cattolico. Sulla Sicilia clima variabile ma tendenzialmente mite, mentre in Sardegna, nonostante l’assenza del Silicone delle Azzurre, che specie a quote basse caratterizza solitamente il clima a nord dell’Isola, sono annunciate solo isolate nubi a carattere nucleare.

News Recenti – in ScaricaBile 16

27 maggio 2009
Riunione d'urgenza dell'Agenzia Onu per i Rifugiati (Foto LaRussa)

Riunione d'urgenza dell'Agenzia Onu per i Rifugiati (Foto LaRussa)

Legalità
Successo a Palermo per il Corteo della Legalità. Durante il tragitto denunciati 5 immigrati clandestini, falsificati 2 bilanci aziendali e distrutte numerose intercettazioni.

Immigrazione
Proseguono gli sbarchi di extracomunitari. Alemanno chiede che in tutta l’Africa non venga più trasmesso ‘Lamerica’, di Gianni Amelio.

Inter
Diciassettesimo scudetto, gli ultimi 4 di fila. Moratti: Un peccato che Adriano non sia qui, è la striscia più lunga del dopoguerra.

Antitrust UE
Multa choc di 1 miliardo di euro alla Intel, che fa ricorso, dopo aver elaborato il trauma in una frazione di secondo.

Carceri
In arrivo i primi penitenziari galleggianti. Il sindacato guardie lamenta ritardi nella consegna dei nuovi Super Liquidator d’ordinanza.

Centrali Nucleari
La Sardegna indicata come sito ideale. Paura in Abruzzo.

*Morti sul Lavoro
In Sardegna tre operai morti alla Saras. Moratti: lo dico da mesi che c’è pericolo e qualcuno si potrebbe far male, San Siro va rizollato.

*Berlusconi
‘Invidia fa votare a sinistra’. E’ un passo avanti, Luxuria non c’è mai riuscita.

Google
Scoperto l'”Algoritmo dello Scontento” per i dipendenti: Accessi falliti a Facebook meno accessi riusciti a Youporn fratto due.

*Influenza
Otto studenti romani contagiati. Al ministero si dicono preoccupati, non sembra funzionare la terapia a base di manganellate.

*Tecnologia
Creata a Berkeley una memoria digitale eterna. L’archiviazione sarà di una velocità mai vista, mentre per la cancellazione serviranno 15 anni di bombardamento mediatico.

Deficit
Il Debito Italiano cresce vertiginosamente. Ieri sera, mentre tornava a casa, Napolitano è stato pestato come ultimo avvertimento.

Pakistan
Gli sfollati sono oltre 2 milioni, riferiscono gli inviati dell’UNHCR, durante una Sagra del Fico Secco.

Giustizia
Nuove regole per i membri del CSM: verranno eletti da 100 magistrati estratti a sorte. Da Luciano Moggi.

PIL
Dopo Berlusconi anche gli Economisti Satanisti esultano leggendo al contrario i dati sul PIL

*Riccione
Eletta l’italiana che ci rappresenterà a Miss Universo. La ragazza ha ricevuto lo scettro direttamente dalle gambe del presidente del consiglio.

Crisi
In USA in lieve miglioramento i prezzi delle esportazioni, trainati da quello della Democrazia.

Scienza
Creato un virus che uccide i tumori. E’ basato su un herpes geneticamente modificato, dopo il tentativo fallito con la DC di Rotondi.

Focus
Secondo un’inchiesta le offese preferite dagli italiani sono ‘gay’ e ‘mafioso’. Curiosamente tra Vendola e Gasparri è volato solo un ‘vaffa’.

Videogame
Prosegue l’ondata di sdegno per Rapelay, il simulatore di violenze sessuali realizzato con una sofisticata tecnica che cattura le movenze dei poliziotti libici.

Giro d’Italia
Torna la calma dopo il gesto polemico della settimana scorsa, quando il Gruppo per protestare contro i rischi che gli vengono fatti correre si è simbolicamente fermato a Milano, sotto una farmacia.

Giro d’Italia/2
Lo sfortunato corridore Pedro Horrillo è uscito dal coma farmacologico. Un attimo prima di finire in un fossato.

Videogame/2
Nuovi problemi per Rapelay, il simulatore di stupri. Alemanno si scaglia contro gli stupratori, colpevoli di proporre modelli negativi ai produttori di videogames.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: